T-SHIRT: YSL

JEANS: Imperial

GIACCA e OCCHIALI: Vintage

SCARPE: Cesare Paciotti

Quando usciamo con gli amici quale è la prima cosa a cui pensiamo? Chi sa se x verrà, dove andiamo, cosa prenderò da bere??? Molte cose…ma la più importante domanda di tutte : come mi vesto?

Ebbene sabato scorso mi sono messo questo problema perche mi trovavo davanti un invito particolare. Un discoteca rinomata di Bologna ha riaperto le sue porte invitandoci ad una festa dove il dress code richiedeva i colori rosso, bianco e nero. Si era messo accento sulla particolarità della serata e per creare un’atmosfera più speciale era richiesta una determinata ricercatezza nel vestire. Ovviamente non tutti avrebbero dato attenzione e questo dettaglio perché ormai, mi duole dirlo, la gente non rispetta più determinate regole del bon ton come il dress code. Ed è veramente un peccato perche questo è il belo di determinate serate e di certi inviti particolari. Divertente è dopo, quando sentiamo dire in giro che x non si è trovato bene…..ovvio!!!! La prossima volta sii più attento a ciò che ti viene detto e chiesto e farai la tua bella figura. Ritornando a sabato mi sono messo a pensare…come abbinare i tre colori in maniera simpatica e con stile?????

Ebbene l’ispirazione mi è venuta dai cavallerizzi e dalle vesti che usavano nell’800. Giacca rossa, pantaloni neri, camicia bianca e ovviamente il cilindro!

Ecco il risultato!!!

brr

 

 

 

Nel mezzo del mar Mediterraneo, vicino alle coste della Turchia e immersa fra tante altre piccole isole greche, spunta l’isola di Rodi. Piccola ma bellissima, l’isola è il posto ideale per passare una bellissima vacanza con amici. Durante il giorno l’isola offre le sue spiagge con i tanti alberghi che offrono i loro bar e le loro spiagge private dove rilassarsi sotto il caldo sole greco. La sera, oltre le discoteche fuori città, l’antico centro della città di Rodi ci accoglie con le sue stradine antiche piene di bar dove la musica continua fino al mattino.

Ormai che la borsa e diventata un accessorio indispensabile anche per gli uomini non e più un mistero. Il tempo delle tasche gonfie e completamente inestetiche ormai è passato. Dalle borse a tracolla arrivando alle shoppers ce ne sono veramente per tutti i gusti. Il nostro scopo ora è quello di vedere cosa si dovrebbe trovare nella borsa di un uomo.

Il primo caso è quello dell’uomo sportivo che ovviamente sceglierà una borsa in tessuto facile da portare e con colori che si possono abbinare a tutto.

Nel caso presente abbiamo una borsa in tessuto colorato di Jill Sander. Abbiamo un uomo sportivo, sempre in viaggio. Gli occhiali da aviatore Ray Ban non possono mancare insieme ad una sciarpa in colori chiari e morbida pronta a riparare dal caldo ma anche dal freddo. Il portafoglio, la macchina fotografica e l’orologio non possono mancare dalla borsa di nessun viaggiatore. Acqua di Parma Mediterraneo è il profumo ideale. Pieno di personalità ma leggero come fragranza è il simbolo del viaggio e dell’uomo sempre alla ricerca dell’avventura.

L’uomo classico invece è più particolare e va molto più per le cose ricercate. sceglierà di sicuro una borsa di un colore più sobrio come nero o marrone. In questo caso abbiamo un shopper nera di Dolce & Gabbana. Il cellulare è molto importante per l’uomo d’affari e il BlackBerry è la scelta migliore per essere sempre in contatto con il mondo del lavoro. Gli occhiali da sole neri sono sempre un tocco di eleganza che viene accentuato dal profumo intenso e molto raffinato di Tom Ford Black Orchid. La scelta del portafoglio è molto classica, si è scelto uno in pelle nera semplice e classico.

Queste sono solo le due tipologie generali dell’uomo dei nostri giorni. Adesso ci avviciniamo ormai all’estate e vediamo di vedere cosa ci propongono le nuove tendenze per quest’anno. A presto 😉

Al mondo esistono tantissime occupazioni. Lavoro, hobby, sport. MA la più importante e allo stesso tempo la più diffusa è lo SPETTEGOLARE!!!

A tutti piace leggere le riviste di gossip, sapere cosa combinano i personaggi famosi, come si vestono, dove vanno in vacanza o con chi escono. Però allo stesso tempo tutti ficcano il naso anche nella vita dei propri amici. Quanto è bello radunarsi con gli amici a bere o mangiare insieme e raccontarsi quello che si è fatto ultimamente?! Solo che ci sono persone che lo fanno anche senza chiedere il permesso e cominciano a diffondere cose su altri senza averne nemmeno parlato con il diretto interessato. Ed è qui che nasce il problema. Non ho mai capito perché certe persone al posto di risolvere prima di tutto la propria vita, e credetemi che certi possono avere dei seri problemi, si preoccupano di più a curiosare nelle cose che fanno gli altri. E non parlo di curiosare nelle attività lavorative o in quello che fanno nella loro vita pubblica. Determinate persone, e scusatemi il termine, ficcano il naso nella vita personale e PRIVATA di uno senza che nessuno le abbia invitate. Codeste persone sarebbero anche da perdonare se stessero zitte, però loro, pur non scoprendo nulla, vanno a raccontare in giro loro supposizioni che spesso e volentieri sono anche sbagliate.

Perciò cari lettori il mio consiglio è di vederci ciascuno di noi della propria vita e di lasciar vivere anche gli altri. Come si dice: vivi e lascia vivere!!! Ma di una cosa dovete essere certi…..nel momento in cui uno ci cerca ci deve trovare e anche ben muniti!!!

P.S. un consiglio……entrate a dieta!!!

Venezia la città più romantica del mondo, meta per tutte le coppie innamorate. Con i suoi canali attraversati da gondole, con le sue vie strette e conservate come un tempo, la città è un museo all’aria aperta. Però tutto questa atmosfera magica, una volta all’anno, si intensifica e Venezia si trasforma in una città magica dove tutto è possibile. Musica, mistero, seduzione e molto divertimento…..è il periodo del carnevale. Celebre al mondo per la sua sfilata di maschere, il carnevale veneziano è un teatro all’aria aperta dove ciascuno interpreta il personaggio preferito e si vive nel periodo desiderato. Spazi temporali vengono infranti e l’epoca moderna viene travolta dalla storia. L’ottocento, il medioevo come la finzione e i personaggi dei film preferiti prendono vita in un periodo comune. La città è invasa di milioni di persone, si fa fatica a camminare per le strade. I fotografi fremono per avere lo scatto migliore delle maschere, i turisti si divertono a giocare  con le maschere e farsi fotografare. Di giorno tutti passeggiano per la città a caccia del personaggio amato e di sera si divertono alle tantissime feste organizzate. L’unico obbligo è….avere una MASCHERA! Storie d’amore, intrighi e divertimento sono nascosti dietro ad una maschera. Le parole fanno fatica a descrivere l’atmosfera magica che si crea perciò il mio consiglio è di comprare una maschera e andare al carnevale!!!!!

Turchia paese meraviglioso e ricco di storia. Una nazione che nasconde mille misteri e che ti può sorprendere quando meno te lo aspetti. La capitale, Istambul, è una città che ti incanta con il miscuglio di storia e modernità. Pensandoci qualcuno può pensare che non sia un posto dove meriti trascorrere una vacanza, però la capitale turca è capace di offrire divertimento anche per le persone più pretenziose.

Considerando l’aspetto storico la città è stata chiamata fino al 330 d.C Costantinopoli ed era la capitale dell’Impero Romano. Il nome attuale deriva dai greci che nel momento in cui veniva loro chiesto dove si trovasse la città rispondevano Isten Polis ossia la città è là.

Tra le tante cose belle da visitare ci sono i due palazzi: Topkapi e Dolmabahce.

Topkapi il vecchio palazzo del sultano vi accoglie con le sue mura imponenti e apre ai più fantasiosi il mondo pieno di mistero e di romanticismo del sultano. Con i suoi vari edifici intrecciati da vari giardini e passaggi presenta sia la vita ufficiale a corte, i modi in cui il sultano riceveva i vari ministri e i modi in cui si preparava per i riti religiosi, ma anche la vita nell’harem. Quest’ultimo è il posto in cui il sultano trascorreva la sua vita privata. Nell’harem vivevano le mogli e le amanti ma anche la regina madre. Questo posto ti avvolge con la sua atmosfera misteriosa facendoti immaginare i vari intrighi di corte e il mondo pieno di erotismo e allo stesso tempo pieno di regole in cui vivevano il sultano e le sue concubine.

Dolmabahce dall’altro lato è completamente diverso dal vecchio palazzo. In stile ottocentesco e affacciato sul Bosforo è un edificio imponente. Lo stile barocco lo fa sembrare molto ai palazzi del vecchio continente ma le ricche decorazioni lo rendono allo stesso tempo unico. Il palazzo,  che dopo la caduta dell’impero diventò immediatamente museo, mostra meglio com’era  la vita a corte con le sue stanze conservate come un tempo dove si possono ancora ammirare oggetti di uso domestico.

Istambul però non e solo una città museo. Deve essere ricordata anche la frizzante vita notturna. Con tutti i suoi locali, alcuni piccoli e nascosti negli edifici del centro altri grandi e imponenti, offre la possibilità di divertirsi veramente a tutti. Reina, discoteca situata lungo la riva del Bosforo, e 360, locale situato all’ultimo piano da dove si ha una bellissima veduta panoramica della città, sono dei posti bellissimi dove al ritmo di musica turca mista di house puoi divertirti fino all’alba.

Da veri fashionisti non si può non girare anche per le piccole strade del Gran Bazar. Con tutti i piccoli negozi dove si può trovare veramente di tutto, da spezie aromatiche a tessuti e gioielli, il Bazar occuperà tutta la vostra giornata riportandovi nell’epoca dei mercanti che da terre lontane portavano le loro merci.

Istambul è veramente un posto che veramente va visitato perché unico nel suo genere!

Buon viaggio.

 

Buongiorno lettori cibernetici. In una giornata così bella con il sole che brilla alto in cielo è impossibile restare chiusi in casa. Perciò la cosa migliore da fare e vestirsi, non con le prime cose che ci capitano sotto mano, e andare a fare colazione al nostro bar preferito. Questo ho fatto anche io oggi e come al solito, mentre degustavo il mio cappuccino, non potevo evitare di sentire le varie conversazione intorno a me. La mia attenzione è stata attirata da due ragazze, molto carine e con uno stile molto particolare, che parlavano di una storia appena finita. Da quanto ho capito il ragazzo non viveva nella sua stessa città e si sono conosciuti ad una festa di amici in comune. Lui, notandola, si è avvicinato e hanno cominciato a parlare del più e del meno. Si trovavano bene insieme e quello che alla ragazza ha colpito è stato il suo modo di essere molto naturale e poco abusivo. Come spesso succede hanno scambiato numeri di telefono e hanno cominciato sia a vedersi ma soprattutto a sentirsi per telefono e mandarsi una lunga serie di SMS molto carini e romantici. La storia è andata avanti per qualche tempo e le cose sembravano andare bene. Però, e ora inizia la parte divertente, ad un certo punto le cose cominciarono a prendere una svolta strana. Lui cominciava ad essere freddo e a non cercarla più come prima inventando una serie di scuse molto strane e poco credibili. Lei gli chiedeva se era successo qualcosa ma si sentiva sempre dire che tutto andava bene e di non preoccuparsi. Dopo un po però lei decide di mettere fine alla storia non potendo più andare avanti avendo tanti dubbi e non sentendosi sicura di lui. Ed è stato solo in questo momento che lui ebbe il coraggio di cominciare a dire che si c’erano dei problemi. Il ragazzo considerava la distanza un problema e insieme ad altre cose dette dalla ragazza senza rendersene conto aveva deciso di prendere le distanze. Lei ovviamente ci sta male e ne soffre e l’amica, dopo aver sentito la storia, le dice di andare avanti e di non pensarci più perchè un simile comportamento denota solo che lui non era così preso da come voleva sembrare e che non la meritava.

Non voglio sembrare uno che si impiccia nei fatti altrui ma essendo vicino a loro non ho potuto non ascoltare quello che dicevano. Quando sono uscito dal bar mi sono messo a pensare a quello che la ragazza diceva. Purtroppo siamo arrivati al punto in cui la gente sinceramente non ha più nessun valore e nessuno pudore. La maggior parte di noi pensa di essere il centro del mondo e che possiamo usare chiunque così come vogliamo. Ma la domanda è: perché prendere uno in giro quando le cose sarebbero così facili se solo fossimo sinceri dall’inizio. Si deve sapere quello che si cerca dalla vita e non solo e non avere paura di dirlo. Non dobbiamo comportarci come dei bastardi e illudere le persone per un nostro scopo comune e poi scaricarle quando non ci servono più. La storia che ho sentito stà mattina mi ha confermato che nella vita, quella che, ormai con questa società, siamo costretti a vivere, bisogna andare molto cauti e con i piedi di piombo. Questo perchè le persone sono arrivate a fare del male alle altre gratuitamente e non si può essere sicuri di nulla e di nessuno. La miglior cosa da fare è diventare come loro, anche se è brutto dirlo. Bisogna imparare a fregarcene degli altri e vivere solo e unicamente per noi!

bloglovin

follow me!

bloglovin